Revò

La valle

Revò, 724 m altezza sul livello del mare, è il centro culturale della "Terza Sponda", illustre per il passato e, attualmente, dall´aria discreta di borgo rurale il cui rione nuovo si è praticamente unito a Romallo.

L´importanza passata del borgo era dovuta alle strade. Da ricordare, oltre a quella romana, quella detta "dei Regai", che veniva da Dermulo, attraversando il bacino della Novella, sommersa dal bacino idroelettrico di Santa Giustina.

Esposto a sud, vera balconata sul Lago di Santa Giustina e sulla Valle di Non. Attualmente è centro ortofrutticolo e anche commerciale. Il paese è di origine romana, come attestano le epigrafi e gli altri oggetti archeologici.

Cartina

MAPPA

La disposizione urbanistica di Revò ha conservato, nonostante l´evoluzione dell'´edilizia moderna, la caratteristica tradizionale.

La parte alta del paese è chiamata "Colomel" ed ha case ammassate attraversate da androni; la parte bassa "Frona"; la parte mediana è detta "Piazza" e lì sorgono le belle residenze cinque-secentesche costruite secondo quel particolare stile detto "d´Oltradige Atesino".

Share by: